Itinerari

Trapani e dintorni cosa visitare

i consigli della Egadi Escursioni

ISOLE EGADI

Favignana, Levanzo, Marettimo, l’isolotto di Formica e lo scoglio di Maraone compongono le isole Egadi, situate nell’estremità occidentale della Sicilia.

CENTRO STORICO

Il susseguirsi di epoche storiche è rintracciabile nei diversi angoli della città, caratterizzati dalla bellezza tipica del periodo di appartenenza.

ERICE

Visitare Erice significa perdersi nella bellezza delle stradine basolate e labirintiche, delle fortificazioni, delle antiche chiese e conventi, pinete, giardini e dei panorami mozzafiato.

SAN VITO LO CAPO

San vito lo Capo è ormai diventata una meta ambita e famosa, non soltanto grazie alla sua spiaggia dorata, la sua sabbia chiara e l’acqua cristallina e pulita, ma anche per merito del Cous Cous Fest.

SALINE

specchi d’acqua separati da sottili lembi di terra così da formare una scacchiera dalle mille sfaccettature di colori. Mulini a vento interrompono le distese di sale, sebbene ormai inattivi, ancora bellissimi.

ITINERARI DA GUSTARE

La top ten delle tipicità ed eccellenze del territorio trapanese, dal Gambero rosso di Mazara del Vallo all'aglio rosso di nubia e tanto altro...

Il centro storico di Trapani ad esempio è ricco di chiese, palazzi e monumenti dall'immensa rilevanza storica e artistica, pasticcerie e pizzerie storiche, granite al pistacchio o limone fantastiche da provare almeno una volta nella vita! Gli itinerari proposti qui sono dei semplici consigli, dati da chi vive e conosce la città in ogni sua sfaccettatura.

Erice è un piccolo borgo medievale in cui perdersi tra panorami mozzafiato e stradine antiche quasi labirintiche. Famosa inoltre per i suoi dolcetti tipici, le Genovesi.

San Vito Lo Capo spesso non necessita di presentazioni e le foto parlerebbero comunque già da sole: sabbia bianca e mare cristallino.

Le Saline invece si estendono da Trapani a Marsala, un itinerario perfetto da farsi preferibilmente al tramonto, tra i mulini, i cumuli di sale e i fenicotteri rosa.

Tutti questi itinerari sono poi potenzialmente trasformabili in "visite" e "tour" guidati da accompagnatrici, guide turistiche o gente del posto; purchè si riesca ad organizzare dei gruppetti di minimo 4 persone e con almeno 1 giorno di preavviso.